Home / Scienza / ECLISSE DI LUNA IL PROSSIMO 27 LUGLIO 2018. LA PROFEZIA DELLA LUNA ROSSA

ECLISSE DI LUNA IL PROSSIMO 27 LUGLIO 2018. LA PROFEZIA DELLA LUNA ROSSA

ECLISSE DI LUNA IL PROSSIMO 27 LUGLIO 2018. LA PROFEZIA DELLA LUNA ROSSA

Durerà esattamente un’ora e 43 minuti, l’eclissi totale di Luna più lunga che avverrà nella notte tra il 27 e 28 luglio 2018: si verificherà una lunghissima eclissi, che in totale, dall ’entrata all’ uscita della Luna nell’ombra della Terra, durerà 3 ore e 55 minuti. L’eclissi sarà visibile prima dalla parte dell’emisfero orientale della Terra (Europa, Africa, Asia, Australia e Nuova Zelanda), mentre l’America del Sud potrà osservare in parte le fasi finali dell’eclissi dopo il tramonto del 27 Luglio.

La Nuova Zelanda prima dell’alba del 28 Luglio, mentre l’America del Nord, gran parte della zona artica e dell’Oceano Pacifico non riusciranno ad osservarla. L’orario di osservazione sarà compreso tra le ore 22.24 nostre italiane del 27 Luglio e le 02.19 del 28 Luglio.

Un’eclissi totale di Luna, è un fenomeno che si si verifica quando l’ombra della Terra oscura del tutto la Luna in fase di piena, mentre nello stesso tempo il Sole, La Terra e appunto la Luna, sono allineati su una linea perfetta secondo questa disposizione: la luna attraverserà completamente l’ombra della Terra. Nel momento dell’oscuramento, la Luna assumerà un colore rosso dovuto alla posizione dei corpi celesti e dei raggi del Sole che entrano nell’atmosfera: questo interessante fenomeno è conosciuto come Blood Moon, tradotto sinistramente, con il termine Luna di sangue.

The Blood Moon Prophecy

Nel Luglio 2018, si combinano due circostanze: il passaggio attraverso l’ombra e l’apogeo lunare, ovvero la posizione in cui, nella sua orbita mensile intorno alla Terra, la Luna raggiunge la massima distanza dalla Terra. Per alcune persone, la luna di sangue non è solo un fenomeno straordinario, ma un presagio della fine dei tempi.

La prima volta che molti hanno sentito parlare della Blood Moon Prophecy è stato nel 2015, quando il pastore e autore John Hagee ha attirato l’attenzione, affermando la luna piena del 27 Settembre era un segno decisivo dell’ Apocalisse: Hagee, ministro cristiano del Texas, ha detto che quattro imminenti eclissi di luna di sangue (15 Aprile 2014, 8 Ottobre 2014, 4 Aprile 2015 e 28 Settembre 2015) indicavano “un evento tremante che si verificherà tra Aprile 2014 e Ottobre 2015. ”

Hagee, in proposito citò un passaggio di Gioele 2:31 nella Bibbia di Re Giacomo che sosteneva predisse la fine dei giorni con l’arrivo delle lune di sangue: ‘Il sole sarà trasformato in tenebre e la luna in sangue, prima che giunga il grande e il terribile giorno del Signore. “Un altro versetto spesso citato fu Rivelazione 6:12 : “E vidi quando aprì il sesto sigillo, e, ecco, ci fu un grande terremoto, e il sole divenne nero come un sacco di capelli, e la luna divenne come sangue“.

La NASA si affrettò a respingere l’affermazione, dicendo che non c’era “base scientifica – non un briciolo di prove” che la blood moon fosse il segno di una morte imminente. Velocemente, tre anni dopo arriviamo a una Super Blue, blood Moon. La sera del 31 Gennaio 2018 tutti con gli occhi puntati al cielo, per ammirare l’eclissi totale Blood Moon, un fenomeno che non si verificava da ben 150 anni.

La NASA, ovviamente, ha affermato che l’evento, seppur particolare e interessante, ha una spiegazione solo scientifica:

“La luna piena del 31 Gennaio è speciale per tre motivi: è la terza di una serie di” supermoons “, quando la luna è più vicina alla Terra nella sua orbita – nota come perigeo – e circa il 14 percento più luminosa del solito. anche la seconda luna piena del mese, comunemente conosciuta come una “luna blu”. La luna super blu passerà attraverso l’ombra della Terra per dare agli spettatori nella giusta posizione un’eclissi lunare totale, mentre la luna è nell’ombra della Terra. su una sfumatura rossastra, conosciuta come una “luna di sangue”, ha detto l’agenzia spaziale statunitense.

Ma il cielo di Luglio, riserva anche altre sorprese: subito dopo l’eclissi di Luna, infatti, il 31 Luglio, Marte passerà nel punto più vicino alla Terra, raggiunto l’ultima volta nel 2003: il Pianeta Rosso tanto discusso, si troverà soltanto a 57.6 milioni di chilometri dal nostro pianeta, e per questo sarà visibile ad occhio nudo. Hanno ragione le profezie catastrofiste riguardo i macabri avvenimenti annunciati secondo alcuni dalle Blood Moon? Oppure possiamo essere così presuntosi da ridurre tutto al minimo, spiegando gli avvenimenti celesti, esclusivamente con basi scientifiche?

In Genesi 1:14, Dio disse: “Ci siano luci nel firmamento del cielo per dividere il giorno dalla notte; e siano li per i segni, per le stagioni, per i giorni e gli anni”. Forse il cielo, ci sta dicendo qualcosa.

Ecco il video:

Fonte

About Dario Valeri

Vedi anche

Sonda New Horizons a caccia del pianeta X

Nel 2019 la sonda New Horizons raggiungerà i confini del Sistema Solare a caccia di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *