Home / Mistero / UFO / Rintracciare Astronavi Aliene usando telescopi a Raggi Gamma

Rintracciare Astronavi Aliene usando telescopi a Raggi Gamma

Scienziati dicono di poter rintracciare Astronavi Aliene usando telescopi a Raggi Gamma

Un argomento piuttosto ampio e spesso controverso nella comunità scientifica è se esiste una civiltà aliena avanzata o meno. Ad ogni modo, ci sono scienziati che cercano attivamente segni per dimostrare che la vita intelligente esiste là fuori. In tal modo, hanno scoperto qualcosa di molto interessante che ha dato origine a un’idea. Ora gli Scienziati dicono di poter rintracciare Astronavi Aliene usando telescopi a Raggi Gamma

Questa idea è considerata piuttosto strana. Ciò suggerisce che una civiltà, che è probabilmente molto più vecchia e più avanzata rispetto a qualsiasi essere umano, potrebbe sfruttare la radiazione emessa da buchi neri (noto anche come radiazione di Hawking) per generare energia che potrebbe potenzialmente essere utilizzata nei veicoli spaziali.

Ora il Dr. Louis Crane, un matematico della Kansas State University (KSU), ha recentemente pubblicato uno studio su questa idea. Ha suggerito come la ricerca che utilizza i telescopi gamma potrebbe trovare prove di veicoli spaziali alimentati da piccoli buchi neri, o meglio, da particelle antimateria. Lo studio, che è chiamato ” Ricerca di civiltà extraterrestri usando telescopi a raggi gamma”( Searching for Extraterrestrial Civilizations Using gamma-ray Telescopes), è stato recentemente pubblicato on-line . Questo è il secondo articolo pubblicato dal Dr. Crane in materia, il primo dei quali è stato co-autore di Shawn Moreland ( studente fisico laureato alla KSU) e pubblicato nel 2009. Il primo era intitolato ” Are Black Hole Spacecraft possibile? “(‘Possibili navi stellari Black Hole’).

È davvero possibile?
Avere un buco nero separerebbe davvero una civiltà da qualsiasi altra. Offre straordinari benefici. Per esempio, se una specie usasse un buco nero microscopico, potrebbe gettare materia ed estrarre energia, il che sarebbe incredibile. Qualcosa del genere potrebbe potenzialmente risolvere la crisi dei combustibili fossili della Terra. In termini di usi interstellari, potrebbe spingere un veicolo spaziale incredibilmente grande.

Qualsiasi civiltà con questa tecnologia indicherebbe un livello molto alto di avanzamento. Dati i requisiti energetici per la creazione di un buco nero artificiale, oltre alle sfide tecniche associate al suo utilizzo, il processo sarebbe al di là di una civiltà di tipo II sulla scala di Kardashev, che è molto più avanzato della razza umana. Qui sulla Terra, semplicemente non c’è abbastanza capacità di immagazzinare tutta l’energia necessaria per creare un buco nero, che è anche irrealizzabile per l’economia.

Elemento 115

Il fisico Bob Lazar che ha lavorato nella base segreta Area 51, ha dichiarato che l’elemento 115 noto come Ununpentiom, è attivatore dell’elemento 116. L’elemento 115 è un elemento che non si trova nel nostro sistema solare, ma potrebbe essere presente in altre aree dell’Universo come sottoprodotto di supernova. Secondo Lazar, all’interno di una nave aliena l’elemento 115 viene sottoposto a un bombardamento di neutroni che produce la sua trasmutazione nell’elemento 116 chiamato Livermorio, molto più instabile. Questo avvia immediatamente una reazione che può avere due effetti straordinari. La prima consiste nell’emettere particelle di antimateria che, entrando in contatto con altra materia, si disintregano e producono un’enorme quantità di energia, che viene usata in un generatore altamente efficiente. Ancora più sorprendente è il secondo effetto: la creazione di un’onda di ciò che viene chiamata ” gravità B” “, un forte campo gravitazionale, tramite tre dispositivi sulla base delle navi, che potrebbe essere diretto a volontà per spostarsi nello spazio.

Scoperto il €carburante stellare€. Bob Lazar stava dicendo la verità sull’€™elemento 115!

Riassumendo, il conseguente bombardamento dell’elemento 115 con i protoni porta a creare l’elemento 116 (Livermorio) che decompone immediatamente e produce Antimateria. L’antimateria, la stessa che produce un buco nero o worm hole, si scontra con le particelle normali creando un’enorme esplosione di energia, che può essere utilizzata per la propulsione. È molto probabile che l’elemento 115 possa anche essere la famosa materia esotica (warp-drive) necessaria per creare wormhole traversabili, ed è stato oggetto di un documento di riferimento sull’Intelligence della Difesa (DIA) recentemente.

Fonte

About Dario Valeri

Check Also

MARTE, il Rover Opportunity fotografa un misterioso “Dispositivo Alieno” nella regione Meridiani Planum

Le immagini che vi mostriamo, riguardano una misteriosa anomalia fotografata dal Rover Opportunity nella Meridiani …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *